Matera, capitale della cultura e del buon cibo Il nostro viaggio alla scoperta dei suoi prodotti alimentari

28 days ago Attualità18

Quando si vuole staccare la spina ed allontanarsi dagli stress quotidiani, per scoprire un luogo sconosciuto, spesso viene spontaneo pensare alle capitali europee. Londra, Praga, Lisbona ecc… sono, indubbiamente, mete interessanti, ma perché non considerare anche città italiane altrettanto meravigliose? Un suggerimento? Matera, Capitale Europea della Cultura 2019.

 

Come arrivarci?

Matera si raggiunge da nord in volo arrivando all’aeroporto di Bari. Da Torino con voli diretti low cost Ryan Air e da Milano sempre Ryan Air e Easy Jet (due voli giornalieri uno al mattino e uno al pomeriggio in base alle preferenze o alla comodità dell’orario). Inoltre, prenotando in anticipo si riescono a trovare delle tariffe convenienti, ma fate attenzione al peso e alle dimensioni dei bagagli, per non avere maggiorazioni in aeroporto!

Consiglio il noleggio dell’auto con presa in aeroporto all’arrivo (spesso conviene prenotare in anticipo anche questo servizio), in quanto la distanza tra Bari e Matera è di circa 64 km. 1 ora di auto percorrendo la SS94, per essere indipendenti negli spostamenti.

Chi odia guidare, può scegliere la soluzione dello shuttle bus, ma sarà vincolato agli orari previsti dalle Compagnie che effettuano il trasporto.

 

Quando?

Il periodo “migliore”? Dipende… da voi ovviamente!

Guardando il termometro, direi maggio – giugno e poi nei mesi di settembre – ottobre. Inoltre, in questi mesi potrebbe essere meno affollata. Indubbiamente va benissimo anche in piena estate, ma preparatevi a costi più elevati, cosa che, del resto, può capitare ovunque.

 

Dove soggiornare?

Per il soggiorno alberghiero ci diverse soluzioni e per tutte le tasche: dalle strutture di lusso ai bed & breakfast.

Per chi fosse alla ricerca di qualcosa di esclusivo e ne avesse la disponibilità economica, consiglio una vera e propria “chicca”, immersa nel contesto architettonico locale: “Sextantio Le Grotte Della Civita”.   E’ situato nella zona dei Sassi di Matera (sito Unesco), perché offre camere e suite all’interno di grandi grotte, dotate di pavimenti in pietra e mobili d’epoca, e una terrazza panoramica con affaccio sul Parco Nazionale della Murgia.

Anche “Corte San Pietro”, situato anch’esso all’interno del sito protetto dall’Unesco dei Sassi di Matera, è apprezzabile poiché si trova in un antico edificio ristrutturato scolpito nella pietra, è sempre di ottimo livello, ma più economico.

Nei Sassi da Nino”, nella zona dei Sassi di Matera, situato a pochi passi dalla Cattedrale di Matera e a 1,1 km dal Castello Tramontano, troverete l’ospitalità e la gentilezza di Nino, che gestisce questo bed & breakfast. Questa soluzione è volta al risparmio, senza però, rinunciare alla cura dei dettagli e alla pulizia.

Qualsiasi soluzione scegliate, mi sento di suggerirvi solo una cosa: cercate una struttura con poche camere, in stile locale e che “vi faccia sentire a Matera”.

Solo così potrete riempire occhi e cuore e godere al meglio di questa splendida città anche durante le ore trascorse in relax!

Matera 01

Cosa mangiare?

Durante questo viaggio avrete la possibilità di assaggiare tante prelibatezze della regione. Essendo la mia terra di origine io vi propongo le mie preferite, ma potrete scoprirne tante altre. Affittando l’autovettura potrete andare alla loro ricerca in tutta serenità.

Matera è famosa per il suo pane. Compatto e gustoso. Da piccola la mia merenda era pane e pomodoro con un filo d’olio extravergine d’oliva della zona. Semplice, ma strepitoso!

Ora, passiamo al caciocavallo podolico lucano. Un formaggio di media stagionatura ed alveolato dal sapore unico. Strepitoso a tocchetti come aperitivo o fra due fette di pane o scaldato in padella… a voi la scelta.

Un’altra prelibatezza della Basilicata è il peperone crusco di Senise, in provincia di Potenza. Si trova sia in polvere, sia intero. Esso è dato da peperoni dolci fatti seccare e poi fritti. Può essere utilizzato sulla pasta, sui formaggi freschi conditi con l’olio oppure per impreziosire pizze, focacce o ciò che preferite.

 

Per concludere la Basilicata è tutta da scoprire: a partire dalle bellezze naturali della montagna, passando attraverso la campagna per arrivare al Mar Ionio.

Matera, con il suo fascino e la architettura si è resa porta bandiera dell’intera Basilicata ed ha reso più visibile questa terra agli occhi di tutti. Fatevi un giro e diteci la vostra!

Roberta Pacchiega e Anna Paradiso

Redazione