Yoga della risata: ecco perchè dobbiamo ridere

1 month ago Attualità, Donne & Salute42

In questo clima di grande incertezza e di conseguente preoccupazione per il futuro, abbiamo bisogno di ridere. Perché? Perché fa bene! Trovare degli stimoli positivi è complicato, ma non impossibile. Può aiutare, tra le altre cose, praticare yoga della risata.

La prima volta che la mia amica Micol mi ha parlato di questa pratica e di esserne istruttrice, rimasi un po’ perplessa perché ero convinta che le risa potessero derivare solo da qualcosa di divertente. E invece…

Mi sono documentata. D’altronde la mia reazione spontanea dinanzi a qualcosa che non conosco è informarmi e studiare.

Come nasce lo yoga della risata?

Lo yoga della risata nasce da un medico indiano Madan Kataria. Dopo aver seguito gli studi sui benefici della risata condotti dal dott. Cousins e quelli sulle emozioni di Ekman, scopre che ridere fa bene. Inoltre, scopre che la risata si può innescare anche senza suggestioni umoristiche.

Questo particolare tipo di yoga si pratica in gruppo stimolando la risata attraverso degli esercizi fisici. Durante il riscaldamento si sfrutta il contatto visivo. In questo modo, se qualcuno inizia a ridere, ci si contagia l’uno con l’altro. Dopodiché il gioco è fatto perché la risata diventa spontanea.

Funziona?

Secondo il sito di Lara Lucaccioni, la pratica di yoga della risata funziona perché il nostro corpo non sa distinguere tra risata spontanea e risata indotta.

Le risa attivano le endorfine, sostanze che generano uno stato di gioia e riducono lo stress, cosa che aiuta molto le nostre naturali difese immunitarie.

E ora…

La cosa più complicata è ridere nei momenti difficili e il contesto attuale è uno di quei momenti. Per alcune persone è addirittura terribile, ma la felicità è una scelta, non una condizione che capita addosso. Allora perché non ridere di più? Penso proprio che valga la pena provare.

Di solito su questo blog non suggerisco cose che non ho già provato. In questo caso credo si possa fare un’eccezione. D’altronde, cosa può accadermi di brutto? Al massimo la butto sul ridere!

 

 

Luciana

Luciana Spina, tante cose, ma qui soltanto blogger. Adoro osservare la realtà. Lo spirito critico e la concretezza sono, nel bene e nel male, le mie caratteristiche.