Fotografia, una passione tra tecnica e sentimento

La fotografia è passione, curiosità, magia, poesia. Un posto segreto, il rifugio del cuore, almeno per me. Ho iniziato a scattare nel 2012, dopo un momento difficile, quando avevo perso di vista la strada da percorrere. Avevo bisogno di un reset, di ripartire con nuovi stimoli e mi sono iscritta ad un corso di fotografia presso Reflex Tribe.

Ho conosciuto persone appassionate, che mi hanno coinvolto e avvicinato a questo mondo. Chi ama scattare foto vede le cose in un altro modo, cerca il dettaglio, la luce giusta, il momento magico. Ogni attimo è unico ed irripetibile e anche se lo sappiamo già tutti, il fotografo se lo ripete continuamente.

C’è chi ritiene la fotografia una manipolazione della realtà  e secondo me ha ragione, perché il momento che accade una volta nella vita viene reso immortale, quindi una manipolazione c’è!

Non è però, falsità o inganno, ma è un messaggio. Quando scatto rubo quell’attimo in cui la luce trasmette il giusto impulso al sensore della macchina per immortalare l’immagine.

Si può spiegare la tecnica, ma non cosa trasmette una fotografia, quello è un punto di vista personale.

La fotografia è passato, presente e futuro

Amo fotografare le persone, le espressioni uniche in ognuna di loro. Sono i miei soggetti preferiti! Per privacy avviso prima e chiedo l’autorizzazione, ma poi non scatto subito, altrimenti l’espressione naturale svanisce. Scatto quando non ci pensano più, a tradimento! Ecco la magia… quello diventa un momento di vita fissato.

Un paesaggio ad esempio, potrebbe sembrare solo l’insieme di alberi, erba, terra, montagne, mare. Non è così, perché anche la fotografia di quell’istante è magia, un presente che mi ha trasmesso emozione e che è già diventato passato dopo il click. Sarà un futuro che sicuramente, non sarà uguale e identico a quel preciso momento. Discorsi quasi deliranti, lo so, ma la fotografia è arte e un po’ di delirio c’è.

fotografia

Una scatola di fotografie è una scatola di ricordi

Ho sempre avuto scatoloni pieni di foto stampate, che a scadenze quasi regolari riapro. Tutti gli scatti sono ricordi e ogni volta sembra sia la prima volta che le vedo, perché trovo sempre particolari nuovi. Le fotografie sono le stesse, cambia il mio modo di guardarle. La nostalgia aumenta ogni anno che passa, la felicità di aver vissuto gli attimi fissati sulle fotografie anche.

La rivoluzione digitale ha cambiato sicuramente la fotografia, ogni giorno vengono scattate milioni di foto e archiviate sul pc con millemila Giga di memoria occupata. Si riguardano ogni tanto? Io lo faccio. Confesso però, che avere le foto stampate tra le mani mi dava un’altra emozione.

Quando fotografo per gli altri, lo scatto iniziale a volte non resta intatto, si fanno modifiche per tanti motivi.

Luci, quando metti a posto le foto mi togli un po’ di rughe?” “Riesci a mettere a fuoco solo quel particolare e sfocare il resto?” “Puoi renderla più colorata? Vorrei fosse una foto allegra”.

Le richieste sono diverse, ma ahimè confesso, se riesco le eludo. Non amo modificare troppo l’attimo. Tagli e ritocchi sicuramente ci sono, ma solo dove sono strettamente necessari.

Tempi di scatto, luce, regolazione diaframma, modalità… la tecnica non è il mio punto di forza, lo ammetto. Sicuramente il corso che ho frequentato mi ha dato le basi, ma la fotografia per me è sentimento. Regolo la macchina fotografica, ma non sono così ligia ai parametri. La verità? Se una foto è sfocata, ma mi trasmette qualcosa, la tengo.

La perfezione non è di questo mondo e sicuramente non è per me.

Equilibrio, la parola magica che ho sempre ben impressa in testa. Anche nella fotografia serve equilibrio tra tecnica, attimo, emozioni e sentimento. Una foto perfetta, con parametri impeccabili e tecnica irreprensibile non è sempre una foto emozionante. “E’ bella, ma non balla!”, invece a me piace ballare!

StendardoLucia

Sono un’anima creativa che vive in una realtà di numeri. Ho un abbaino sempre aperto, per vedere il cielo.
Vivo ogni giorno, sopravvivo a volte, ma non mi arrendo mai.
Amo la fotografia e scrivo poesie e racconti. Le parole hanno sempre avuto un valore e un peso importante per me.
Nata a Torino, ho il mare nel sangue e le montagne negli occhi.
Sono Lucia e sono tante parole pensate.